LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE

quarte, ITSOS ALBE STEINER


All'Itsos Albe Steiner, Milano, la materia "Linguaggio del Cinema e della Televisione" in quarta è costituita da 6 ore (di cui 3 in compresenza con un insegnante tecnico-pratico) nell'indirizzo di "Cinema e Televisione" e da 3 ore nell'indirizzo di "Visual" (di cui un'ora in compresenza). 

Qui di seguito sono riportati i due programmi e i materiali di studio e di lavoro.


PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" NELL'INDIRIZZO "CINE-TV"

Conoscenze teoriche

Le esemplificazioni saranno tratte anche da film e programmi tv che anticipano autori e tematiche della storia del cinema e della televisione che verrà affrontata in quinta.

• Le tipologie dei prodotti cinetelevisivi: fiction e non fiction; corto, medio e lungometraggi; prodotti per il cinema e prodotti per la tv, prodotti per internet, prodotti per la fruizione privata. Cinema e intrattenimento d'autore e cinema e televisione mainstream.

• L'analisi dei prodotti cinetelevisivi dal punto di vista del genere, ovvero l'articolazione della produzione cinetelevisiva mainstream. I generi cinematografici e televisivi non sono visti come categorie atemporali, ma le loro caratteristiche formali e di contenuto sono messe in relazione con il periodo storico in cui ognuno di essi è nato, si è sviluppato, è tramontato.

• La serialità televisiva: serie e serial, telenovelas e soapopera.

• I generi fiction (film e serie tv) del cinema statunitense: avventura, crime movies, sentimentali, speculative fiction, comici.

• I generi cinematografici del cinema italiano: i generi del cinema muto, i

generi del cinema sotto il fascismo, la commedia all'italiana, i generi poveri degli anni '60-'70.

• I programmi tipicamente televisivi: varietà, telegiornali e informativi,

programmi di approfondimento e contenitore, talk show e game show, reality show, eventi sportivi, i videoclip.

• La pubblicità.

• Il documentario.

Conoscenze pratiche

• I mezzi illuminanti: tecnologia, tipologia, accessori (stativi, filtri, ecc.). • Tecniche di illuminazione e qualità della luce.

• I teatri di posa e gli studi tv.

• La regia televisiva.

• Funzioni avanzate dei programmi di montaggio professionale (tipologie di editing, screen layouts, semplici effetti di compositing -dimensionamento, crop, rotazione, spostamento anche con funzione stop motion, problematiche di importazione dei media, parametri di esportazione, video scopes, color correction).

• Interazione nella ripresa sonora con la materia di linguaggio del suono.

Abilità

• Saper utilizzare già in fase di ripresa l'articolazione del linguaggio

cinetelevisivo (più riprese diverse che anticipano le possibilità del montaggio) nella realizzazione di moduli comunicativi appartenenti ad un genere cinetelevisivo (una scena fiction, una intervista di un programma di approfondimento, un dibattito televisivo, una news, la documentazione di un evento privato, ecc.).

• Saper utilizzare a livello base la ripresa con green screen e il setting di regia tv (mobile e fissa) sia nel ruolo di cameraman che in quello di regista.

• Saper posizionare e utilizzare set mobili di illuminatori, gli illuminatori della sala regia, gli illuminatori del teatro di posa con i relativi accessori rispondendo a specifiche

necessità di comunicazione.

• Saper utilizzare gli accessori per rendere mobile la camera (steadycam e

carrello).

• Saper utilizzare un programma di montaggio professionale nelle sue funzioni complesse.

• Saper utilizzare mezzi di ripresa professionali nelle loro funzioni e in

condizioni complesse (regia ed eng).

Competenze

• Essere in grado, esaminando un prodotto cinetelevisivo mai visto prima, di saperne individuare l'appartenenza di genere, il decennio di produzione, il probabile Paese di produzione.

• Essere in grado di realizzare in gruppo dalla progettazione, alla ripresa, al montaggio un modulo comunicativo appartenente ad un genere cinetelevisivo (una scena fiction, una intervista di un programma di approfondimento, un dibattito televisivo, una news, la documentazione di un evento privato, ecc.).

• Essere in grado di scegliere da un insieme di materiale video non autoprodotto le inquadrature utilizzabili e assemblabili.


PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" NELL'INDIRIZZO "VISUAL"

Conoscenze teoriche

Il percorso di analisi filmica si interseca durante l'anno con lo studio della storia del cinema.

• Elementi di sceneggiatura e messa in scena (ripasso).

• Le tipologie dei prodotti cinetelevisivi: prodotti per il cinema (cenni sui generi) e

prodotti per la tv, prodotti per internet, prodotti per la fruizione privata.

• I programmi tipicamente televisivi: varietà, telegiornali e informativi, programmi di approfondimento e contenitore, talk show e game show, reality

show, eventi sportivi, i videoclip.

• Cenni di storia della televisione

• Il linguaggio pubblicitario. Il potere evocativo delle immagini. • La connessione tra l'uso del video, della grafica e dell'arte.

Conoscenze pratiche

• Funzioni avanzate dei programmi di montaggio professionale (screen layouts, semplici effetti di compositing, dimensionamento, crop, rotazione, spostamento anche con funzione stop motion, problematiche di importazione dei media, parametri di esportazione, video scopes, color correction).

• Realizzazione di video a partire da sequenze fotografiche accompagnate da contributi audio (interviste, montaggi audio, brevi reportage sonori).

• Come si costruisce e si realizza un’intervista.

Abilità

• Saper analizzare diversi prodotti audiovisivi essendo in grado di individuare gli elementi distintivi a livello di linguaggio, il target e gli scopi comunicativi.

Abilità

• Saper pianificare un semplice progetto di regia, pensato anche in funzione del montaggio, sapendo articolare i diversi elementi del linguaggio cinematografico e cercando una coerenza stilistica con il tipo di prodotto da realizzare (che si tratti di una fiction o di un telegiornale, piuttosto che un breve reportage).

• Saper utilizzare un programma di montaggio professionale nelle sue funzioni avanzate.

• Saper utilizzare mezzi di ripresa professionali nelle loro funzioni avanzate.

Competenze

• Essere in grado di realizzare in gruppo dalla progettazione, alla ripresa, al montaggio un modulo comunicativo appartenente ad un genere cinetelevisivo (una scena fiction, una intervista di un programma di approfondimento, un dibattito televisivo, una news, la documentazione di un evento privato, ecc.).

• Essere in grado di integrarsi all’organizzazione di una produzione rispettando tempi, ruoli, competenze, responsabilità.


MATERIALI DI STUDIO E DI LAVORO