LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE

quinte, ITSOS ALBE STEINER


All'Itsos Albe Steiner, Milano, la materia "Linguaggio del Cinema e della Televisione" in quinta è costituita da 6 ore (di cui 4 in compresenza con un insegnante tecnico-pratico) nell'indirizzo di "Cinema e Televisione" e da 3 ore nell'indirizzo di "Visual" (di cui 2 ore in compresenza). 

Qui di seguito sono riportati i due programmi e i materiali di studio e di lavoro.


PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" NELL'INDIRIZZO "CINE-TV"

Conoscenze teoriche

• Gli elementi essenziali della storia del cinema anche in relazione con gli

avvenimenti storici e il relativo contesto artistico e culturale.

• Anni 1890-'20. La nascita tecnologica del cinema, dai precursori ai Lumiere. La costruzione del linguaggio cinematografico: Melies, Porter, Griffith. La nascita di Hollywood, le majors, il divismo, lo star system.

• Anni '20-'30. Charlie Chaplin e il cinema comico statunitense. L'espressionismo tedesco. L'avanguardia russa. Il surrealismo.

• Anni '30-'40. La nascita del sonoro. Il cinema sotto il fascismo. Orson

Welles.

• Anni '40-'60. Il neorealismo. L'esistenzialismo (Bergman, Antonioni, Fellini, Pasolini). • Il rinnovamento cinematografico dagli anni '60-'70 (nouvelle vague, new

Hollywood, nuovo cinema italiano).

• Cenni al cinema degli ultimi trenta anni.

• Cenni di storia della televisione italiana.

• La televisione digitale e webTV.

• Cenni di produzione cinetelevisiva.

Abilità teoriche

• Saper individuare le caratteristiche della produzione cinetelevisiva autoriale per decennio anche in relazione al contesto storico e culturale.

Abilità pratiche

• Il quinto anno sarà dedicato nell'attività di laboratorio alla realizzazione di un documentario individuale di dieci minuti da presentare all'esame di maturità.

• Saper ricercare su un determinato tema materiali video, testuali, fotografici.

• Saper costruire un nitido percorso narrativo e comunicativo nel rispetto degli obiettivi e del target.

• Saper organizzare una produzione video gestendo risorse, media e

competenze.

• Saper scrivere un progetto video, un soggetto, un trattamento, una scaletta, un voiceover, un format, le domande per le interviste.

• Saper fare un piano di produzione

• Saper montare un prodotto video.

Competenze

• Essere in grado di contestualizzare autonomamente dal punto di vista storico e dal punto di vista della storia del cinema e della tv un prodotto audiovisivo.

• Essere in grado di proporre su richiesta una rassegna ragionata e argomentata di prodotti cinetelevisivi.

• Essere in grado di produrre in autonomia e individualmente un prodotto video in tutte le sue fasi rispettando i tempi di consegna.


PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" NELL'INDIRIZZO “VISUAL”

Conoscenze teoriche

Il percorso didattico si propone di presentare le tappe fondamentali dell’evoluzione della storia del cinema.

• Anni 1890-'20. La nascita tecnologica del cinema, dai precursori ai Lumiere. La costruzione del linguaggio cinematografico: Melies, Porter, Griffith. La nascita di Hollywood, le majors, il divismo, lo star system.

• Anni '20-'30. Charlie Chaplin e il cinema comico statunitense.

• Le avanguardie europee: l'espressionismo tedesco (Lang, Murnau), l'avanguardia russa (Ejzenstein, Pudovkin, Vertov, Dovzenko), il surrealismo

(Bunuel).

• Anni '30-'40. La nascita del sonoro. Il cinema sotto il fascismo e sotto il

nazismo. Orson Welles.

• Anni '40-'60. Il neorealismo (De Sica, Rossellini, Visconti). Dalla commedia

all'italiana al cinema d'autore.

• Anni '60-'70. La nouvelle vague.

• New Hollywood e cinema contemporaneo.

• Analisi comparate dei legami visivi e di contenuto appartenenti a mondi artistici

e produttivi paralleli: la videoarte, il videoclip, il documentario.

Conoscenze pratiche

• Progettazione e realizzazione di contributi video finalizzati all’integrazione del progetto di fine corso previsto per l’esame di maturità.

Abilità

• Saper sviluppare abilità di osservazione e comparazione, sia nell’ambito cinematografico in senso stretto, sia in un’ottica interdisciplinare e intersemiotica. Saper impostare percorsi complessi di lettura di un'opera audiovisiva, in relazione al contesto storico e culturale da cui trae origine.

Competenze

• Saper progettare un semplice prodotto audiovisivo, con uno stile coerente al genere e alle richieste.

• Essere in grado di analizzare prodotti cinetelevisivi d'autore e/o indipendenti.

• Essere in grado di produrre in autonomia e individualmente un semplice

prodotto video in tutte le sue fasi rispettando i tempi di consegna.

• Saper analizzare i messaggi audiovisivi appartenenti a diversi ambiti di produzione, riuscendo a distinguere e analizzare le diverse modalità d'uso del

linguaggio e le specifiche finalità comunicative.


MATERIALI DI STUDIO E DI LAVORO