LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE

TERZE, ITSOS ALBE STEINER


All'Itsos Albe Steiner, Milano, la materia "Linguaggio del Cinema e della Televisione" è costituita in Terza da 6 ore (di cui 4 in compresenza con un insegnante tecnico-pratico) nell'indirizzo di "Cinema e Televisione" e da 3 ore (di cui 2 in compresenza) nell'indirizzo di "Visual". 

Alcuni insegnanti hanno adottato il libro di testo Corso di linguaggio audiovisivo e multimediale (le pagine riportate si riferiscono a questo testo). Il libro di testo è raccordato con la sezione di linguaggio di questo sito (i link riportati vi si riferiscono). Sul libro sono riportati i contenuti, sul sito gli esempi filmici e le schede di lavoro.

Qui di seguito è riportato il programma nell'indirizzo "Cine-tv". Lo schema dei contenuti, delle abilità e delle competenze vale anche per la materia nell'indirizzo "visual", ma in maniera più sintetica.


PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" di Terza NELL'INDIRIZZO "CINE-TV"

CONOSCENZE TEORICHE

 

- Ripasso del programma di Seconda: grandezze scalari, angolazione, altezza e inclinazione, movimenticomposizione e proprietà dell’inquadratura (pp.136-177, pp.184-203, pp.212-222)

- Che cosa è il cinema: sala, industria, linguaggio, fenomeno sociale (pp.2-7, pp.8-21)

La resa figurativa (riguardo all'illuminazione: espressionismo e noir) (pp.228-242)

Scenografia cinematografica e televisiva (pp.243-249)

- Il costume e il make-up (pp.250-258)

- La recitazione (premesse teorico/pratiche, approfondimento su divismo e New Hollywood) (pp.259-262)

- Il montaggio (fiction/non fiction, regole generali della continuità, attacchi, cutting, ritmo, raccordi)(pp.266-275, pp.294-310)

- La narrazione: dall’idea allo story concept (pp.72-78)

In coordinamento con la materia di Linguaggio fotografico:

- La distanza apparente tra i piani (pp.205-207)

- La profondità di campo (pp.208-209)

- Prospettiva e messinscena (p.210)

- Prospettiva e luce (p.211)

- Generalità della resa figurativa (p.228)

- Luminosità e contrasto dei materiali e dei colori (p.229)

- Il colore (pp.230-231)

L’illuminazione (pp.232-240)

In coordinamento con la materia di Linguaggio del suono:

- Dal muto al sonoro (pp.314-315)

- Suoni e drammaturgia (pp.316-317)

- Le componenti del sonoro (pp.318-319)

- Suono e ambiente (p.320)

- Le funzioni della musica nell’audiovisivo (pp.323-326)

- La musica nelle opere cinetelevisive (pp.327-328)

- La voce (p.330)

- Il rumore (pp.330)

 

CONOSCENZE PRATICHE

- I parametri di ripresa (temperatura colore, diaframma, otturazione, fuoco, lunghezza focale).

- Le caratteristiche delle diverse classi e tipologie degli apparecchi da ripresa. Gli apparecchi da ripresa professionali e prosumer e le loro funzioni essenziali.

- Le applicazioni di montaggio professionali, le loro funzioni essenziali e accessorie, preparazione dei materiali, organizzazione del lavoro di editing.

 

ABILITA'

- Saper valutare qualitativamente un prodotto audiovisivo dal punto di vista formale essendo in grado di distinguere i contributi dei diversi linguaggi che lo compongono e dunque le specifiche professionalità che si richiedono.

- Saper utilizzare apparecchi di ripresa prosumer senza automatismi,

adeguando i diversi parametri (temperatura colore, diaframma, otturazione, fuoco, lunghezza focale) agli obiettivi di comunicazione prefissati.

- Saper utilizzare le funzioni essenziali di un programma di montaggio video, e saper realizzare semplici raccordi interni alle sequenze.

- Saper valutare i diversi prodotti audiovisivi in base ai linguaggi utilizzati.

 

COMPETENZE PRATICHE

- Essere in grado con il solo ausilio di un libretto di istruzione di saper

utilizzare una qualsiasi telecamera.

- Essere in grado di utilizzare nelle sue funzioni essenziali con il solo helping in linea un programma di montaggio video.

- Saper svolgere gli incarichi affidati rispettando le consegne.


Download
esempio di programma preventivo per le Terze
materia "Linguaggio del cinema e della TV", Itsos Steiner, Milano
programma_preventivo_terze.doc
Documento Microsoft Word 90.5 KB

PROGRAMMA DI "LINGUAGGIO DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE" di Terza NELL'INDIRIZZO "VISUAL"

CONOSCENZE TEORICHE

- Analisi formale di un prodotto cinematografico e televisivo: l'inquadratura (distanza, angolazione, movimenti di macchina, inclinazione, profondità di campo e relazioni prospettiche, rapporto d'aspetto, composizione, velocità di scorrimento), il montaggio (montaggio interno alle sequenze, montaggio tra sequenze, stili di montaggio, piano sequenza), la messinscena (illuminazione, recitazione, regia, scenografia e location, costume, trucco, effetti speciali), la sceneggiatura (storia, intreccio, personaggi, ambientazione, tono, dialoghi).

- Rapporto tra immagine e realtà: punto di vista, interpretazione, passaggio dalla sceneggiatura alle riprese.

 

CONOSCENZE PRATICHE

- Le diverse tipologie di videocamere, dalla consumer alla prosumer.

- I paramentri di ripresa (fuoco, otturazione, lunghezza focale, diaframma,

temperatura colore e livelli di bianco).

- Introduzione al sistema di editing video Final Cut (importazione materiale,

studio dell'interfaccia, gestione di una semplice sequenza su timeline,

introduzione di brani musicali, formati di esportazione).

- Cenni di illuminazione (soggetto, sfondo, controluce e profondità).

 

ABILITA'

- Saper analizzare e valutare un prodotto audiovisivo dal punto di vista formale, sapendo distinguere i contributi dei diversi linguaggi che lo compongono e ricostruire i processi produttivi e le specifiche professionalità richiesti dalla tipologia di prodotto.

- Saper utilizzare apparecchi di ripresa prosumer senza automatismi, adeguando i diversi parametri (temperatura colore, diaframma, otturazione, fuoco, lunghezza focale) agli obiettivi di comunicazione prefissati.

- Saper costruire una breve sequenza per immagini, pensata in funzione di un montaggio in macchina.

- Saper utilizzare le funzioni essenziali di un programma di montaggio video, e saper realizzare semplici raccordi interni alle sequenze.

 

COMPETENZE

- Essere in grado con il solo ausilio di un libretto di istruzione di saper utilizzare una telecamera prosumer.

- Essere in grado di utilizzare nelle sue funzioni essenziali un programma di montaggio video e di assemblare brevi sequenze.

- Saper trattare i macchinari affidati in custodia con la massima diligenza.

- Saper lavorare coerentemente al compito assegnato e lavorare rispettando i

ruoli e le diverse competenze che compongono un set.

- Essere in grado di analizzare e descrivere diversi prodotti audiovisivi.