I MOVIMENTI DI CAMERA


I movimenti di camera sono inquadrature che variano al loro interno (quindi senza operare stacchi) angolazione e/o distanza e/o inclinazione e/o altezza. 
Distanza, angolazione, altezza e inclinazione sono elementi dell'inquadratura cinetelevisiva comuni anche alla fotografia, i movimenti invece costituiscono uno specifico del linguaggio audiovisivo.

I movimenti di camera possibili sono infiniti; per facilitare la comunicazione sia in sede critica che realizzativa si è quindi adottata una nomenclatura che individua alcune tipologie di movimenti.

I movimenti di camera possono essere semplici o compositi. I movimenti semplici sono le panoramiche e le carrellate, quelli compositi sono costituiti da combinazioni di movimenti semplici.


LE PANORAMICHE

Le panoramiche sono i movimenti semplici che la camera realizza ruotando sul proprio asse verticale. Corrispondono, nella vita reale, agli spostamenti della testa quando si gira collo e sguardo, restando fermi col corpo. La panoramica generalmente è realizzata nello stesso modo con cui si muove il capo quando si osserva un ambiente sconosciuto: parte lenta, aumenta di velocità, poi rallenta di nuovo sino a fermarsi. La panoramica può essere orizzontale (diviene circolare se compie un intero giro), verticale, obliqua. Se la camera compie un intero giro intorno al proprio asse orizzontale, si chiama rotazione. Quando una panoramica è realizzata molto velocemente (tanto da non vedersi quel che si sta riprendendo) viene denominata panoramica a schiaffo, quando segue in velocità un personaggio e lo sfondo sfuma, viene chiamata panoramica filata.


Panoramica orizzontale

L’ultimo spettacolo (The Last Picture Show, r. di Peter Bogdanovich, 1971, USA) comincia con una panoramica orizzontale che descrive lo squallore e la povertà del paese nel quale è ambientato, inquadrando comunque uno dei luoghi centrali della storia: il vecchio cinema. 


La scena del ballo in  Romeo e Giulietta (Romeo and Juliet, r. di Franco Zeffirelli, 1968, UK e Italia) è resa con delle panoramiche orizzontali che vanno in senso opposto. La camera segue il rapido movimento dei due protagonisti, e in questo modo lo sfondo fila, contribuendo ad una impressione di spensierata confusione. 



Altri brani commentati di film con panoramiche orizzontali su questa playlist.



Panoramica circolare

In questa scena de L'odio (La Haine, di Mathieu Kassovitz, 1995, Francia) la panoramica circolare con angolazione supina serve a sottolineare le caratteristiche architettoniche dell'edificio cui i protagonisti sono completamente estranei. Inoltre con questo stratagemma i tre personaggi sono contemporaneamente in campo.



Panoramica verticale

Al termine dell'ultima sequenza di Quarto potere (Citizen Kane, r. di Orson Welles, 1941, USA) una panoramica verticale segue il pennacchio verso l'alto, metafora trasparente della dipartita terrena del protagonista. La camera inquadra poi il cartello di divieto di entrata e che la camera ha violato per tutto il film, chiudendo col totale della dimora di Kane e del fumo che ne esce, a dimostrazione dell'onnipotenza del cinema.



Panoramica obliqua

In questa scena di scena Senso (r. di Luchino Visconti, 1954, Italia) una panoramica obliqua precede una panoramica orizzontale nel verso opposto. L'ascensione sottolinea la suddivisione di classe e nazionale del pubblico: nei tre ordini di palchi alloggiano comodamente l'alta nobiltà e gli ufficiali austriaci, mentre in galleria, ma soprattutto nel loggione, molti borghesi sono assiepati contro la balaustra (da dove verranno lanciati i volantini antiaustriaci). 



Rotazione

Alla fine della sequenza del sogno ne Il grande Lebowski (The Big Lebowski, r. di Joel Coen, 1998, USA) l'angolazione a piombo insieme alla carrellata indietro con rotazione intorno all'asse ottico costituisce una transizione tra le immagini irreali del sogno e un confuso ritorno alla realtà.



LE CARRELLATE

Le carrellate sono movimenti semplici che la camera realizza senza ruotare su se stessa, ma spostandosi. Corrispondono allo sguardo umano quando si cammina senza ruotare il capo. 

Le carrellate si distinguono tra loro in base alla relazione che intercorre tra la camera e il soggetto ripreso. La carrellata indietro è il movimento che realizza la camera per accrescere la sua distanza dal soggetto. La carrellata avanti è il movimento che la camera realizza per diminuire la sua distanza dal soggetto. Lo zoom in è simile alla carrellata avanti e lo zoom out a quella indietro, e si ottengono per via ottica, senza dover spostare la camera. Per questo vengono anche chiamati carrellate ottiche.

Si deve tener conto però che gli effetti visivi sono diversi. In alcuni film viene combinata carrellata e zoom in modo da mantenere invariata la dimensione del soggetto. In Italia si chiama effetto Vertigo e negli USA dolly zoomLa carrellata a precedere  è il movimento che la camera realizza indietreggiando mentre il soggetto avanza, mantenendo la distanza invariata.  La carrellata a seguire è il movimento che la camera realizza quando segue il soggetto nel suo percorso mantenendo la stessa distanza. La carrellata laterale è il movimento che la camera realizza quando segue parallelamente il soggetto nel suo percorso, mantenendo la stessa distanza.  La carrellata verticale è lo spostamento della camera lungo il suo asse verticale. La carrellata circolare è il movimento che realizza la camera quando ruota intorno al soggetto. 


Carrellata indietro

Questa carrellata indietro, tratta da Il sorpasso (r. di Dino Risi, 1962, Italia), è un buon esempio di come utilizzare questo movimento di camera in chiave comica. Si parte da un finto totale che inquadra una stanza popolare con una figura di sfondo che beve, quindi la camera indietreggia scoprendo che si tratta di un camion per trasloco. 


Nella sequenza finale di Sentieri selvaggi (The Searchers, r. di John Ford, 1956, USA) il protagonista, dopo aver riportato a casa la nipote rapita anni prima, rimane fuori dalla porta, con una composizione simmetrica a quella di apertura. Una carrellata indietro separa il destino degli altri personaggi, lasciando fuori il vecchio cowboy.



Carrellata avanti

Nell'ultima sequenza di Quarto potere (Citizen Kane, r. di Orson Welles, 1941, USA), dopo che i giornalisti che non hanno saputo capire il personaggio Kane se ne vanno,  una carrellata avanti dall'alto scorre sugli oggetti accumulati nella vita di Kane, poi si avvicina alla slitta, simbolo del suo trauma infantile, quando sta per bruciare, e svela così il mistero della provenienza della parola Rosebud. Per Welles dunque il cinema ha il potere di mostrare (svelare) ciò che gli umani con altri mezzi non riescono a spiegare.


Per la prima volta Max (da Jackie Brown, r. di Quentin Tarantino, 1997, USA) vede Jackie e ne rimane subito colpito. L’avanzare verso la camera della seconda è alternato alla carrellata avanti dal basso dal PM al PPP del primo. La lentezza della movimento (e non particolari espressioni dell'attore) porta il pubblico ad immaginare che l'emozione di Max. 



Zoom in, Zoom out

Il protagonista di Un uomo da marciapiede (Midnight Cowboy, r. di John Schlesinger, 1969) si trova da solo nella metropoli. E' ottimista, ma quando deve scrivere ai pochi amici che ha lasciato, preferisce rinunciarvi e distruggere la cartolina. Quando apre la finestra, il suono del caos cittadino gli entra in stanza. Uno zoom in violento scopre il suo totale anonimato.


In questa scena tratta da Tre donne (Three Women, r. di Robert Altman, 1977, USA) Millie ha avvisato la polizia del furto della sua auto. In realtà l’ha presa Pinky. La sorpresa di Millie quando se ne accorge, per di più vedendola in compagnia di un uomo che le interessava, è reso da Altman con uno zoom in in soggettiva.



Dolly zoom



Carrellata a precedere

In questa sequenza tratta da Intrigo internazionale (North by Northwest, r. di  di Alfred Hitchcock, 1959, USA) la protagonista si avvicina inesorabilmente all'aereo sul quale, se salirà, sa che troverà la morte. La carrellata a precedere riesce a visualizzare allo stesso tempo l'espressione della sua ansia, l'incedere incerto e lo sfondo dal quale lei spera possa giungere la salvezza.


In questa sequenza tratta da Orizzonti di gloria (Paths of Glory, r. di Stanley Kubrick, 1957, USA) la carrellata a precedere serve per mettere in evidenza i lati dell’ambiente: la trincea scorre a fianco dei due ufficiali angusta e inospitale. Il contrasto con il procedere marziale dei due ufficiali è accentuato dalla angolazione dal basso e dalla FI che contribuiscono a mantenere il pubblico lontano dai due, obbligandolo a confrontare le loro parole con la realtà dei fatti. 


Carrellata a seguire


In questa scena di La classe operaia va in Paradiso (r. di Elio Petri, 1971, It.) davanti ai cancelli della fabbrica, nel clima politicamente incandescente degli anni '70, un gruppo di studenti megafona denunciando la condizione operaia. Ma gli stessi operai, per ora, non li ascoltano, e gettano in aria i loro volantini. L'alternarsi di carrellate a seguire e a precedere sottolinea la dimensione di decisa rassegnazione della fiumana di gente che supera i cancelli.


In Rosetta (r. fratelli Dardenne, 1999, Fr. e Belgio)  la camera sta perennemente addosso ai personaggi, in maniera quasi documentaristica. La carrellata a seguire nella sequenza iniziale documenta il rifiuto della protagonista essere licenziata.



Carrellata laterale

Nella scena che segue, tratta da Stranger Than Paradise (r. di Jim Jarmusch, 1984, USA) la protagonista, un'immigrata ungherese, è appena sbarcata a New York. La carrellata laterale che la segue ci restituisce con il suo approccio documentaristico, e la priorità visiva data all'ambiente, il senso di estraneità e delusione provato dalla ragazza.


La protagonista (da Jackie Brown, r. di Quentin Tarantino, 1997, USA), nella sequenza di apertura, è evidentemente in ritardo e accelera la sua andatura nel corso della carrellata laterale. Il movimento di camera e la grandezza scalare scelta (PM) ci consentono di seguire il personaggio apprezzando il progressivo aumento della sua velocità. La camera si lascia poi superare e accompagna il personaggio in carrellata a seguire. In questo modo il pubblico può inserire il personaggio nell’ambiente. 



La carrellata verticale

Il dottore (da Il labirinto del faunoEl laberinto del fauno, di G. del Toro, 2006, Mex, Sp.) che cura nascostamente i partigiani che resistono ai franchisti viene ucciso dal capitano, che ha scoperto il suo doppio gioco. La carrellata a precedere consente di tenere in campo sull'avanpiano il dottore, sottolineandone così il rassegnato coraggio. La carrellata verticale dal dottore a terra si ferma prima di raggiungere l'altezza del capitano, in modo da inquadrarlo dal basso per rifletterne la pericolosità e l'arroganza.



Carrellata circolare

In questa scena di Love Story (r. di Arthur Hiller, 1970, USA) la carrellata circolare svolge la funzione di valorizzare i personaggi, mentre lo sfondo scorre confusamente. Isolando il soggetto dal contesto questo movimento trasmette una sensazione di esclusiva intimità, oppure di disorientamento, oppure di pericolo rispetto ad un esterno insidioso.


Le tre protagoniste di Hannah e le sue sorelle (Hannah and Her Sisters, di W. Allen, 1986, USA) si ritrovano in ristorante. Lee però non può confidarsi: sta avendo una relazione proprio col marito di Hannah. Tre lente carrellate circolari colgono i personaggi in gran parte proprio quando non parlano. Il centro di gravità è Lee: in questo modo il suo imbarazzato silenzio diventa ancora più evidente.



I MOVIMENTI COMPOSITI

I movimenti compositi combinano nei più svariati modi carrellate e panoramiche.  Nei casi meno complessi i movimenti compositi possono essere assimilati ad esperienze reali, ad esempio quando ci si volta a guardare una persona (panoramica orizzontale) mentre si cammina avanti (carrellata). I movimenti compositi sommano gli effetti che i diversi movimenti semplici producono sul pubblico.

Il film A History of Violence (r. di David Cronenberg, 2005, USA e Germania) comincia con un piano sequenza dove due criminali escono stancamente dalla loro stanza in motel e uno dei due si dirige a pagare il conto. Il lungo movimento composito (che svolge la funzione di attivare un senso di aspettativa) è costituito dai seguenti movimenti elementari, nell'ordine: carrellata laterale, a precedere, indietro, laterale, panoramica orizzontale, carrellata a seguire


In Effetto notte (La Nuit américaine, 1973, Francia) l'autore François Truffaut vuol mostrare con un intento didattico il processo di realizzazione di un film. Nella scena si vede in azione una gru: sia la ripresa in piano sequenza che grazie ad essa viene realizzata, sia la macchina fisica con i suoi operatori. 



I movimenti compositi possono essere realizzati con camera a spalla o con svariate apparecchiature. Sia l'una che le altre possono essere utilizzate anche per panoramiche e carrellate, ma sono indispensabili per i movimenti compositi. Queste classi di apparecchiature hanno anche rilevanza linguistica perché ognuna di loro produce effetti visivi particolari, per cui è necessaria una breve rassegna.


Steadycam, gimbal e camera a spalla

La steadycam (a sinistra) ha una imbracatura indossata da un operatore che gli permette di guidare la camera lungo percorsi molto articolati. La sua caratteristica è di assicurare una ripresa assolutamente fluida anche in situazioni dove la camera normalmente sobbalzerebbe, ad esempio scendendo delle scale o correndo. Oggi in molte situazioni è stata sostituita dai gimbal (a destra) più economici e flessibili. La camera a spalla (al centro) invece non ha ammortizzatori ed anche gli operatori più abili non possono evitare riprese un po' mosse. 



Dolly

Il dolly può essere montato su ruote o più spesso su binario. Questo supporto consente movimenti fluidi in svariate le direzioni, il braccio è fisso, corto e azionato da un sistema idraulico. 


Gru, jib e technocrane

Possono essere posizionati su ruote o su binari. Sono in grado di realizzare tutti i movimenti, in modo più ampio, versatile e rapido di quelli che può consentire il dolly, grazie alla grande mobilità del braccio. La gru (a sinistra) può essere molto alta e di solito ha i sedili per operatore ed assistente, mentre il braccio è manovrato a terra. Oggi tende ad essere sostituita dal technocrane (in mezzo). La camera montata sul jib (a destra) è interamente comandata a terra da un operatore ed ha un'estensione minore del technocrane.



Elicotteri e droni

Gli elicotteri e i droni realizzano riprese aeree, quindi solitamente inquadrature larghe, puntate verso terra,  con movimenti che normalmente possono essere assimilati a carrellate.


Cameracar

Per cameracar si intende qualsiasi modalità meccanica tesa a riprendere da un autoveicolo. Possono essere costituite da supporti fissi (e in questo caso le inquadrature si possono assimilare a carrellate)  o mobili, ad esempio montando jib o techocrane.



Download
Scheda di lavoro sui movimenti di camera
scheda_lavoro_movimenti_di_camera.doc
Documento Microsoft Word 27.0 KB
Download
Scheda di lavoro sui supporti delle camere per realizzare movimenti compositi
scheda_lavoro_supporti_camera.doc
Documento Microsoft Word 870.0 KB
Download
Esercizi di laboratorio sui movimenti compositi
esercizio_lab_mov_compositi.pdf
Documento Adobe Acrobat 135.4 KB