Lezione 10. Descrizione di oggetti (Prime, 1h+1h)

Gli studenti devono realizzare una fotografia e un montaggio video sullo stesso oggetto. Lo scopo comunicativo è descriverlo, nella maniera più corretta e completa possibile. Si può immaginare di scattare una foto o caricare un video su una piattaforma per vendita di oggetti usati. Dobbiamo far capire bene come è fatto quell'oggetto. La fotografia può essere a scelta in formato orizzontale o verticale. Se l'oggetto si sviluppa di più in altezza la scelta dovrà essere conseguente poiché sarebbe inutile riprendere anche i lati vuoti che rimarrebbero nel formato orizzontale. Il montaggio video dovrà essere costituito da tre inquadrature ferme (quindi no movimenti), non superare i 15 secondi, senza effetti. Di seguito alcuni esempi dei lavori realizzati (la selezione non è per merito).


Autore: Carcione, 1^C. La fotografia è molto ben impostata, ma non descrive compiutamente l'oggetto. Mantiene l'ambiguità tra l'oggetto cui si ispira (il ciak) e la sveglia che invece è.


Il video risolve l'ambiguità grazie a delle riprese angolate, ma per descrivere appieno l'oggetto. Probabilmente si sarebbe dovuto scegliere angolazioni e grandezze scalari che facessero capire meglio l'oggetto.



Autrice: Lepore, 1^C. La fotografia descrive bene l'oggetto, illuminato dallo schermo nella parte più interna. 


Il video però raddoppia una inquadratura (quella del ribaltino) quando sarebbe stato più utile, ad esempio riprendere il lato. Inoltre l'inquadratura centrale è visivamente molto distraente a causa dello sfondo della scrivania del notebook.



Autrice: Bertelli, 1H. La luce dall'alto permette di valorizzare le linee e i colori dell'oggetto. Buona la composizione con elementi di sfondo che contornano in maniera simmetrica il soggetto.


Il video descrive compiutamente l'oggetto. Probabilmente però aver dedicato una o due inquadrature a dei dettagli, ovvero a delle parti dell'oggetto, avrebbe consentito di "conoscerlo" meglio.



Autore: Di Modugno, 1^H. L'oggetto è ben delineato grazie alle scelte di illuminazione e di sfondo. L'angolazione dall'alto, però, probabilmente sacrifica un po' la centralità dell'oggetto, così come l'eccesso di spazio riservato allo sfondo.


Il video accentua le problematiche della fotografia: l'oggetto appare "schiacciato" e isolato, non è il protagonista della scena. E sarebbe stato meglio dedicare almeno una inquadratura ad un forte avvicinamento.



Autrice: Chirico, 1^L. La fotografia descrive bene l'oggetto. L'angolazione dall'alto è giustificata dal ruolo visivo ricoperto dall'ornamento. L'ombra, visto il tipo di prodotto, è probabilmente eccessiva.


Il montaggio video risolve la "durezza" della foto. Le ombre sono più morbide e il tranquillo movimento impresso all'oggetto permette un'attenta descrizione. Molto efficace l'interruzione sulla sua denominazione che comunica in maniera precisa il finale del montaggio.



Autore: Stetur, 1^L. Il punto di ripresa è senz'altro efficace per descrivere l'oggetto, anche se la rilevanza visuale e luminosa del suo schermo "rubano" l'attenzione.


Al contrario il video si interrompe giustamente al momento dell'accensione, quando lo schermo si illumina senza ancora far vedere immagini. La seconda inquadratura con l'improvvisa assenza della "mano" pare però un po' strana. Probabilmente sarebbe stato meglio introdurre lì il dito che accende, e riservare la terza all'illuminazione dello schermo.